Tutto il buono del formaggio
I pregiudizi da sfatare

Non facciamo altro che ripeterlo tutti i giorni: quanto è buono il formaggio!
Eppure un alimento così ricco e sano è accompagnato troppo spesso da una cattiva fama, da tutta una serie di pregiudizi che noi vogliamo assolutamente sfatare!

Sono ben quattro i pregiudizi sul formaggio che sentiamo sempre, tutti i giorni e che, in realtà, sono stati smentiti da tempo dall’esperienza e persino dalla scienza!
Lasciate da parte ogni preconcetto riguardo al formaggio e leggete attentamente.

1. Il formaggio contiene troppi grassi!
Sbagliato! Questa affermazione, che demonizza il ruolo dei formaggi nell’alimentazione quotidiana, è solo parzialmente vera, ovvero lo è solo sulla carta.
È verissimo che ne contengono una quantità rilevante: si va dal 19% circa della mozzarella al 33% del pecorino siciliano, passando per il 28% del grana.
Ma non si può fare un ragionamento del tutto astratto sui numeri, bensì bisogna rapportare queste percentuali con le abituali dosi di consumo: se una porzione di carne si aggira sui 150 grammi, mentre una porzione abbondante di grana si ferma sui 50 grammi, è facile intuire che la quantità di grassi che assumiamo deriva solo in minima parte dai formaggi.

2. Il formaggio aumenta i livelli di colesterolo!
Questa affermazione va di pari passo con la precedente: grasso + colesterolo = formaggio bandito da qualsiasi regime alimentare.
Anche in questo caso i dati smentiscono decisamente questa affermazione fuorviante. Ecco qualche numero: 100 g di coscia di tacchino cotta e privata della pelle contengono 108 mg di colesterolo; 100 g di filetto di vitello alla piastra ne danno quasi 100 mg, una porzione di gorgonzola, 70 g, ne apporta meno di 50 mg.
I numeri parlano chiaro.

3. Mai gli erborinati ai bambini!
La presenza di muffe tipica dei formaggi erborinati fa storcere il naso e la bocca a molti, soprattutto quando si parla dell’alimentazione dei bambini.
Diciamo subito, in generale, che le muffe dei formaggi erborinati sono assolutamente commestibili, anzi: l’azione della muffa rende il formaggio più digeribile e non produce alcuna sostanza negativa o nociva per l’organismo. Ecco perché non c’è motivo di vietare questi formaggi ai più piccoli.

4. Il formaggio è perfetto come fine pasto
Purtroppo no, anche se è una credenza e un’usanza assai diffusa. Non è consigliabile servire i formaggi a fine pasto in aggiunta a piatti a base di carne o pesce: si rischia di ingerire troppe proteine e di affaticare la digestione.

Il formaggio è di per sé un’ottima fonte proteica e costituisce da solo un vero e proprio secondo piatto.

Ora che hai scoperto davvero quanto è buono il formaggio...Non ti è venuta voglia di gustarne un po'?

Visita il nostro Shop

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@tavernadelpecorino.it