Come si fa l'aceto
Prepara il tuo aceto a casa

Vuoi sapere come fare l’aceto a casa? Vuoi imparare a farlo autonomamente a casa tua, per poterlo sfruttare a tuo piacimento quando ne hai più bisogno? Allora continua a leggere questo articolo dove ti diremo come fare il tuo aceto passo passo.

Per fare il tuo aceto, dovrai seguire quasi lo stesso procedimento dello yogurt, infatti, tutte e due le preparazioni si basano sull’utilizzo di una coltura batterica di partenza. Nel caso dell’aceto è necessario costruire dal nulla la coltura batterica di partenza.

I primi passaggi per fare l’aceto a casa:


Prendi un contenitore molto più grande rispetto alla quantità di liquido che dovrai versarvi dentro, al suo interno versa almeno 2 litri di vino circa. Una volta fatta questa operazione, dovrai aspettare qualche mese, di solito ne bastano un paio, prima che i batteri acetici comincino a moltiplicarsi e comincino a formare un fondo dalla consistenza spugnosa, che fungerà da base di batteri acetici per il vino buono che di volta in volta dovrai aggiungere. Ricordati che la damigiana non dovrà mai essere riempita tutta, ma dovrai solo aggiungere il vino rispettando quasi la stessa quantità di quello che mano mano toglierai perché già diventato aceto.

Perché si forma l’aceto?


Per imparare a fare l’aceto, devi capire anche il perché si forma l’aceto. Quante volte ci è capitato di lasciare una bottiglia di vino aperta in una stanza calda e dopo qualche settimana, notare sulla superficie del vino una pellicola trasparente? Bene, se ti è capitato anche a te, allora dovresti sapere che quella pellicola trasparente, altro non è che la testimonianza, che alcuni microrganismi presenti nell’aria, si sono ‘posati sul vino ed hanno cominciato a moltiplicarsi. Il vino risulterà adesso acido e potrà essere utilizzato come aceto.

Come si ottiene la madre?


Per riuscire ad ottenere la madre devi prima dotarti di un recipiente in terracotta abbastanza capiente, il consiglio è quello di utilizzare un recipiente di almeno 4 litri. Al suo interno versa almeno 1 litro di vino e in aggiunta a questo, un quarto di buon aceto di vino. A questo punto chiudi il tuo contenitore con un tappo di sughero e ogni giorno aprilo per almeno 30 minuti. Quello che si formerà sarà la madre, se devi cominciare ad attingere e prelevare l’aceto fallo sempre dal fondo del recipiente, facendo bene attenzione a non rovinare la parte vischiosa che si è creata e facendo attenzione a ricordarsi di rimboccare il vino una volta prelevato l’aceto.

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@tavernadelpecorino.it