Pecorino Toscano
Le origini e la nascita

Il pecorino toscano è uno dei formaggi più famosi e apprezzati in Italia.
Le sue origini sono antichissime: ne troviamo testimonianze persino nell’opera Naturalis Historia di Plinio il Vecchio.

Come nasce il pecorino toscano?


Il vero pecorino toscano è DOP – Denominazione di origine protetta. Esiste dunque un disciplinare riconosciuto dall’Unione Europea che stabilisce rigidamente tutti le fasi della sua produzione.

Il latte utilizzato è unicamente latte di pecora: dall’allevamento delle pecore alla mungitura, passando dalla produzione fino alla stagionatura, tutto deve avvenire nella zona di origine, che comprende tutta la Toscana, i Comuni di Allerona e Castiglione del Lago in Umbria e quelli di Acquapendente, Onano, San Lorenzo Nuovo, Grotte di Castro, Gradoli, Valentano, Farnese, Ischia di Castro, Montefiascone, Bolsena e Capodimonte nel Lazio.

Nel disciplinare di produzione si prevede che la cagliatura avvenga solo con caglio di vitello: dopo circa 20/25 minuti dall’introduzione del caglio si procede alla rottura della cagliata, fino a raggiungere le dimensioni di una nocciola per i pecorini che non dovranno subire una lunga stagionatura e che avranno una pasta tenera, mentre per i pecorini destinati ad una più o meno lunga stagionatura si arriva alle dimensioni di un chicco di mais.

La successiva fase alla cagliatura è la formatura: il latte cagliato viene posto in stampi provvisti di fori per facilitare la fuoriuscita del siero.
Inizia, così, la maturazione del pecorino, che viene conservato in ambienti caldi e umidi, in modo che venga favorito un rapido spurgo del siero e l'avvio della maturazione.
Segue poi la fase di salatura, che può avvenire in due modi: a secco, la più tradizionale, o in salamoia. Questa fase è molto breve, dura all’incirca un solo giorno e questa è una delle peculiarità del pecorino toscano DOP.

Dopo la salatura le forme di pecorino toscano vengono poste a maturare in locali idonei, dove periodicamente vengono controllate e girate.
Per i pecorini più giovani i tempi di stagionatura sono molto brevi: per il pecorino toscano DOP fresco la stagionatura minima è di 20 giorni – la durata media ideale è di 30/45 giorni; per il pecorino toscano DOP stagionato il periodo di stagionatura minimo è di 120 giorni – alcune tipologie arrivano persino a 12 mesi.

Solo le forme che rispondono al 100% alle caratteristiche previste nel disciplinare vengono marchiate, ad inchiostro quelle a pasta tenera ed a caldo quelle stagionate: sul marchio è presente il nome pecorino toscano DOP, l'immagine prevista sul marchio ed il numero identificativo del produttore.

Il pecorino toscano DOP è, così, pronto per essere commercializzato.

SCOPRI IL NOSTRO PECORINO




Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@tavernadelpecorino.it